Super User

Super User

Concerto Evento al Conservatorio di Torino - Emanuele Sartoris e Daniele Di Bonaventura

  • Pubblicato in News

Concerti Evento ErreMusica

 

Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino

21 dicembre 2021 - ore 21

Emanuele Sartoris e Daniele Di Bonaventura

NOTTURNI

 
Pianoforte & Bandoneon

 

 

Biglietti disponibili su vivaticket.com

 

https://www.vivaticket.com/it/biglietto/emanuele-sartoris-e-daniele-di-bonaventura-notturno/168415 

 

 

 

 

NOTTURNI è un pregevole lavoro a cavallo fra la musica classica e l’improvvisazione che nasce dall'incontro del suono colto ed elegante del pianoforte di Emanuele Sartoris, esponente di spicco del cosiddetto “Third Stream”, unito al lirismo raffinato e sapiente del bandoneon di Daniele di Bonaventura, uno dei maggiori interpreti europei dello strumento.

Leggi tutto...

Amadeus, il contemporaneo

Stagione musicale ERREPOMERIGGI

a cura dell’Associazione Erremusica

Villa della Tesoriera, Torino

16 dicembre 2021 - ore 17

Amadeus, il contemporaneo

 

Francesco Gilardi & Cristina Laganà


Musiche di Mozart, Talmelli*, Bruzzese**, Rebora

* Commissione ErrePomeriggi  -  ** Brano vincitore Call SIMC ErrePomeriggi 2020-2021

In collaborazione con SIMC, Società Italiana di Musica Contemporanea

 

 

 

 

Leggi tutto...

Tra tasti e corde: un viaggio musicale nell'Ottocento

Stagione musicale ERREPOMERIGGI

a cura dell’Associazione Erremusica

Villa della Tesoriera, Torino

18 novembre 2021 - ore 17

Tra tasti e corde: un viaggio musicale nell'Ottocento

 

Anastasiia Stovbyr & Pierluigi Clemente


Musiche di Giuliani-Moscheles, Mozart,Carulli-Beethoven, Mertz, Diabelli

 

 

 

Le Dodici Variazioni in fa maggiore per violoncello e pianoforte op.66 furono composte da Ludwig van Beethoven probabilmente nel 1798. Il tema è tratto dal’Opera “Il Flauto Magico” di Wolfgang Amadeus Mozart. Ferdinando Carulli, trascrisse le Variazioni beethoveniane, utilizzando l’Andante e otto delle Dodici variazioni di Beethoven. La parte della chitarra corrisponde quasi integralmente a quella del violoncello. Essa risulta tuttavia arricchita dal punto di vista sia melodico che armonico. Le dieci Variazioni in sol maggiore sul tema di Gluck K. 455 costituiscono uno degli esempi più perfetti e assiomatici di Variazioni pianistiche scritte da Mozart. Le Variazioni sul tema di Gluck vedono Mozart mettere a fuoco in modo estremamente rifinito tutti i dettagli della scrittura pianistica, sempre sulla base di quegli schemi a priori di cui il compositore si serviva nello svolgere le sue improvvisazioni. La Grande Sonata op. 22 è una delle opere più imponenti e rilevanti di Fernando Sor (1778-1839). Venne pubblicata a Parigi nel 1825 da Meissonnier ma con molta probabilità fu composta in gioventù quando si trovava ancora a Barcellona. Si tratta di un’ampia composizione dal vasto impianto formale. Secondo lo studioso W.S. Newmann lo stile di questa sonata in quattro movimenti si può comparare con quello di Haydn e di Boccherini. Anton Diabelli fu un noto editore e autore di musiche destinate al pubblico dei dilettanti colti. La Grande Sonata Brillante op. 102 pur rimanendo nell’ambito della Hausmusik si segnala per la sua concezione molto ambiziosa. L’aggettivo “brillante” del titolo non è sinonimo di “leggero” o “frivolo” ma testimonia invece una tensione verso il mondo dei concertisti di professione.

Leggi tutto...

Log in